Davanti ad una società sempre più digitalizzata anche le aziende devono adattarsi utilizzando tecnologie e strumenti digitali nuovi. In particolare, le PMI, che risultano ancora un pò indietro in questo campo, dovrebbero adottare nuove strategie e metodologie come l’inbound marketing per competere sul mercato.

Cos’è l’Inbound Marketing?

Si tratta di un nuovo metodo, diverso da quello tradizionale, che è stato coniato nel 2005 da HubSpot, azienda americana che produce software per il marketing. E’ un insieme di strategie digitali che si focalizzano sulla possibilità di attrarre solo le persone veramente interessate al bene/servizio trasformandole da contatti a promotori.

A differenza dei metodi tradizionali che si basano sull’interruption marketing, l’inbound marketing si concentra sulla creazione e distribuzione di contenuti di qualità rivolti ad un pubblico ben definito. L’obiettivo è quello di trasformare un estraneo in cliente e fan della tua azienda intervenendo nelle varie fasi del processo di acquisto. Il fenomeno della digitalizzazione ha diffuso velocemente l’utilizzo di questa metodologia soprattutto nelle grandi aziende, seguite da un inizio di espansione anche tra le PMI.

Quali sono le fasi del processo di acquisto in cui intervenire?

Raggiungere le persone giuste e riuscire a trasformale in fan del tuo prodotto/servizio non è semplice. Chi di loro è veramente interessato? Chi sono le persone giuste?

Attraverso l’inbound marketing possiamo mettere in atto quattro azioni (attrarre, convertire, chiudere e deliziare) che ci consentiranno di raggiungere il nostro obiettivo. In che modo?

  1. Attirare: per farlo è necessario conoscere le abitudini, i problemi e gli obiettivi dei nostri clienti ideali
  2. Convertire: ovvero fare in modo che da visitatori del sito web questi diventino contatti e per farlo uno dei modi migliori e dare loro qualcosa in cambio (es. un contenuto di loro interesse)
  3. Chiudere: fase conclusiva del processo di vendita, quando il contatto diventa cliente e non è detto che questo avvenga immediatamente dopo la conversione
  4. Deliziare: è ciò che bisogna fare nel cosiddetto post-vendita, continuando ad offrire valore ai tuoi clienti cosi che continueranno a sceglierti generando un passaparola spontaneo che li trasforma in veri promotori

Strumenti utili per la tua strategia 

Per ciascuna delle azioni sopra descritte vengono utilizzati strumenti diversi che in base alle loro specificità sono in grado intervenire nelle diverse fasi della strategia di Inbound marketing.

Per attirare gli utenti:

  • blogging
  • motori di ricerca
  • social media

Per convertire gli utenti in contatti:

  • call to action
  • landing page
  • form

Per chiudere il processo di vendita:

  • e-mails
  • CRM

Infine, per deliziare i clienti rendendoli promotori:

  • social media
  • CRM
  • email – newsletter

Il primo passo è investire nella formazione 

Nel contesto mutevole e competitivo in cui viviamo, è indispensabile per le PMI avvalersi di una strategia di inbound marketing per rimanere competitiva sul mercato. Investire sulla formazione delle risorse è fondamentale per rendere efficace il proprio progetto di marketing. Una strategia di Inbound coinvolge diverse aree della propria aziende e richiede una preparazione approfondita e orizzontale. Solo con la comunicazione tra queste diverse aree, allineata con le attività di marketing pianificate, permetterà di ottenere i risultati sperati.

 

Sei una PMI e vorresti investire sulla formazione dei tuoi dipendenti per adottare strategie di Inbound Marketing che ti renderanno più competitivo sul mercato?

LG & Partners è pronta a supportarti per individuare i migliori partner per lo sviluppo di un progetto di formazione.
Contattaci e otterrai uno sconto del 10% sulla nostra prima consulenza.